Blog

Il lungo risveglio dell’impiegato E. di Mariano Lamberti

Autore: Mariano Lamberti

Libro: Il lungo risveglio dell’impiegato E.

 

Note biografiche: Mariano Lamberti (Pompei, 1967) è regista, poeta e scrittore. Nel 1997 realizza il documentario Una storia d’amore in quattro capitoli e mezzo, sullo scrittore ebreo Brett Shapiro, vincendo il premio Libero Bizzarri. Del 1999 è il suo primo lungometraggio, Non con un bang, presentato alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Ha diretto inoltre Colpi di sole (2007) per Rai Tre e Il peccato e la vergogna (2013) per Mediaset. Nel 2010 ha diretto un episodio di Napoli 24 con Paolo Sorrentino e Pietro Marcello. Del 2012 è il film GoodAsYou – Tutti i colori dell’amore, uscito poi in Francia, Spagna, Germania e USA. Ha pubblicato tre raccolte di poesie: Dopo il dolore (2006) e La supplica di Brahma (2015) Gli eroi dei cento mondi (2017) e il romanzo “Una coppia perfetta, l’amore ai tempi di Grindr” (2016). 

Sinossi: E. vive in completa solitudine. La sua esistenza scorre monotona in un ufficio di assicurazioni per infortuni sul lavoro. L’unico sfogo è rappresentato da fugaci incontri con giovani escort orientali. In seguito al trauma per la morte della madre, qualcosa nel suo corpo comincia repentinamente a cambiare: i peli si diradano e sul petto prendono forma due escrescenze carnose, somiglianti a piccoli seni adolescenziali.Anche la sua sessualità sembra radicalmente mutata. Ma l’esistenza di E. viene turbata anche da altri sinistri avvenimenti: si sente spiato, riceve enigmatiche minacce via internet e trova inquietanti disegni sul vetro della propria auto. I giorni e le notti si colorano di un plumbeo senso di minaccia. Un improvviso spiraglio di luce è rappresentato dal brevissimo incontro con Delphine, una bellissima ragazza dell’Est, che scatena subito in E. una violenta infatuazione. Si tratta di un sollievo solo momentaneo: la ragazza rivela una natura cinica che trasforma rapidamente il rapporto in un gioco al massacro. È solo l’inizio di una serie di sconcertanti scoperte. Allucinate, a volte grottesche, ma nonostante tutto reali. Perché E. non è pazzo e non sta semplicemente avendo un incubo.

Condividi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>