FolleMente

Alice è una donna realizzata, sicura e altera, dal volto duro e impenetrabile. Allo stesso tempo si rivelava una bimba smarrita e sinceramente pentita per le sue disubbidienze. Ferita in mille battaglie, attraversa la vita con spirito indomito in cerca della sua salvezza.

Filippo Giordano medico, ipnotista è il suo terapeuta: minatore dell’anima, speleologo della mente. Accompagna i suoi pazienti nel buio luminoso dell’inconscio, in uno stato di veglia incosciente, nei meandri della psiche, per smuovere emozioni imbalsamate. Un direttore d’orchestra che accorda i mille strumenti dissonanti di anime confuse, traboccanti di dolore. Entra col paziente in trance, in cerca della pace, refrigerio. Riscrive le storie che raccontano di spiriti dolenti e sofferenti. Rosari fatti di filo spinato, che feriscono le mani in cui scorrono.

Durante le sedute ipnotiche il linguaggio vago, sibillino, inintelligibile al raziocinio è indispensabile per superare gli ostacoli che la ragione oppone al dissolvimento delle nebbie dell’inconscio.

Nello studio retrò del dottore, oltre ad Alice un’altra donna in attesa: minuta dalla chioma scompigliata, ripiegata su se stessa, con lo sguardo fisso ai suoi piedi e il resto del mondo fuori. Un universo di silenzi, profondità che brucia dentro.

Filippo Giordano, una vita spesa per estirpare dalla mente dei suoi pazienti il raro germoglio della pazzia.

Alice con la convinzione che la follia debba rimanere segretamente nascosta.

FolleMente

FolleMente

13.50

Condividi

Book Details

Dimensioni 21 × 15 × 0.7 cm

About The Author

Cristiana Barone

Cristiana Barone

Nata a Napoli il 30/08/73

Giornalista professionista dal 2000. Pubblicista dal 94.
Docente universitaria (dal 2007) per Università Parthenope e Suor Orsola Benincasa con materie penalistiche e di tecniche scientifiche (giornalismo investigativo)
Docente a contratto presso Suor Orsola Benincasa per Master di criminologia
Direttore di testata giornalistica “bigol news – mezzora al tg” dal 2004
Già redattrice Rai (Milano) e caporedattore a Napoli per Telecapri news
Consulente Gesco: corsi su “violenza”; bullismo e cyber bullismo; grafologia; vittimologia; incontri / consulenze ragazzi-famiglia-scuola-assistenti sociali-psicologi-docenti.

Formazione in sintesi

Laurea in Giurisprudenza
Grafologo Giudiziario - iscritta presso albo della Procura della Repubblica di Napoli e Tribunale civile e penale.
Esperta in Counseling vittimologico. Nella relazione d’aiuto con le vittime di reati e di violenze – titolo universitario
Master in Psicopedagogia Infantile – titolo universitario
Abilitazione all’insegnamento
Criminologia col Prof. Francesco Bruno (esperto in serial killer)
Master in comunicazione, analisi, amministrazione e franchising
Abilitazione centro studi Europe, lingua inglese e abilitazione b2
Abilitazione informatica

Pubblicazioni precedenti:
Romanzo “Un giorno per caso. Una storia qualunque” edito da Loffredo
Autrice di dispensa di giornalismo - Guida Editore (2015)
Introduzioni e conclusioni di due Contest - Edizioni Mea
Regista di Format Televisivi ed esperta di montaggio.

Gennaro Crispo

Gennaro Crispo

Il dr. Gennaro Crispo è nato a Pozzuoli ,risiede a Napoli.
Laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato in Medicina dello sport .
Dapprima dirigente medico Salute Mentale della U.S.L. 22. , dove si occupa di gruppi terapeutici sul training autogeno di Schulz.
Successivamente al Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport della stessa azienda
Ha diretto "L’Ambulatorio di Agopuntura e Fitoterapia per lo Sport" sul territorio di Quarto (NA).
E' socio fondatore e Consigliere Nazionale dell' A.I.F.F. Associazione Italiana di Fitoterapia e Fitofarmacologia.
Docente della Scuola Nazionale di Medicina Tradizionale Cinese "So-Wen" sede di Napoli.
Responsabile dei centri antifumo dell'A.S.L.Na 2 Nord con sede in Marano (NA) e Pozzuoli.
Formazione in ipnosi presso la SIPI Società Italiana di Psicosomatica Ipnotica.certificato dalla London School of Intercultural Psychotherapy con Dott. Angelo Federico , Dott.ssa Eleonora Capuozzo (Napoli).
Successivamente con dr. Emanuele Del Castello eminente autorità scientifica nel campo , presso il Milton Erickson di Capua , continua la sua formazione . Utilizza la pratica dell’ipnosi clinica soprattutto nella disassuefazione dal tabagismo e nel campo delle patologie dermatologiche .
Autore di numerosi articoli giornalistici su testate a diffusione nazionale( Inserto Salute de “La Repubblica” , Il” Mattino” di Napoli ,” Natural 1” su argomenti inerenti la fitoterapia , l'alimentazione , la medicina cinese, la medicina sportiva .
Pubblicazioni:
Libro: “Alimentazione , Fitoterapia e Metabolismo”

Alice è una donna realizzata, sicura e altera, dal volto duro e impenetrabile. Allo stesso tempo si rivelava una bimba smarrita e sinceramente pentita per le sue disubbidienze. Ferita in mille battaglie, attraversa la vita con spirito indomito in cerca della sua salvezza.

Filippo Giordano medico, ipnotista è il suo terapeuta: minatore dell’anima, speleologo della mente. Accompagna i suoi pazienti nel buio luminoso dell’inconscio, in uno stato di veglia incosciente, nei meandri della psiche, per smuovere emozioni imbalsamate. Un direttore d’orchestra che accorda i mille strumenti dissonanti di anime confuse, traboccanti di dolore. Entra col paziente in trance, in cerca della pace, refrigerio. Riscrive le storie che raccontano di spiriti dolenti e sofferenti. Rosari fatti di filo spinato, che feriscono le mani in cui scorrono.

Durante le sedute ipnotiche il linguaggio vago, sibillino, inintelligibile al raziocinio è indispensabile per superare gli ostacoli che la ragione oppone al dissolvimento delle nebbie dell’inconscio.

Nello studio retrò del dottore, oltre ad Alice un’altra donna in attesa: minuta dalla chioma scompigliata, ripiegata su se stessa, con lo sguardo fisso ai suoi piedi e il resto del mondo fuori. Un universo di silenzi, profondità che brucia dentro.

Filippo Giordano, una vita spesa per estirpare dalla mente dei suoi pazienti il raro germoglio della pazzia.

Alice con la convinzione che la follia debba rimanere segretamente nascosta.